I sistemi di misura non a contatto supportano la certificazione dell'Airbus A350

01/2015Per la prima volta il fornitore di Airbus FACC e la sua consociata CoLT hanno introdotto i sistemi di misura non a contatto di GOM nelle prove di tolleranza di carico, sforzo e danneggiamento per le alette di estremità dell'A350.

Per ridurre il peso e il consumo di carburante, l'intera fusoliera dell'Airbus A350 XWB è costituita da materiali compositi in fibra di carbonio. Il velivolo è stato sottoposto a prove intensive per poter ottenere la certificazione. FACC ha analizzato i materiali compositi in fibra e i componenti dell'A350 presso il Composites Lab & Test Center (CoLT), una consociata dell'azienda con sede a St. Martin (Austria).

Sono state intensificate le prove per la certificazione di alette di estremità ed estremità alari. In totale, l'oggetto delle prove misurava 8 m in lunghezza, 2 m in altezza e 3 m in larghezza. Sul banco di prova sono state utilizzate circa 110 tonnellate di acciaio. L'intero elemento è stato analizzato dal punto di vista statico e dinamico per il controllo del carico a lungo termine e del carico di picco. Le prove hanno testato anche la tolleranza di danneggiamento.

Oltre ad utilizzare le tecniche di misura standard, per la prima volta la consociata di FACC ha integrato completamente nelle prove i sensori non a contatto di GOM. A differenza dei metodi convenzionali come gli estensimetri, i due sistemi PONTOS hanno registrato gli spostamenti e le deformazioni 3D dell'aletta d'estremità.

I sistemi di misura ottica hanno inoltre accelerato la definizione delle prove. Per fare un esempio, in una sola giornata di lavoro sono stati applicati al componente 200 marker per il rilevamento delle deformazioni.

L'intera nota di applicazione in inglese è disponibile in formato PDF.