Il Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) utilizza ATOS per lo sviluppo di tecnologie che consentano di risparmiare carburante

09/2016Per aumentare l’efficienza energetica e l’eco-compatibilità degli aerei, il DLR utilizza il sistema ATOS Triple Scan di GOM nella sua sede di Braunschweig. Tramite questo sistema di misura si studia il rapporto tra geometrie delle superfici e resistenza aerodinamica.

Per ottimizzare l’aerodinamica degli aerei, il Centro Aerospaziale Tedesco utilizza un Airbus A320 come piattaforma sperimentale flessibile. Sull’aereo vengono condotte le misurazioni con lo scanner 3D ottico di GOM per sviluppare tecnologie vantaggiose sul piano energetico ed ambientale. Per far ciò, il DLR si dedica soprattutto all’ottimizzazione dei componenti.

Per lo sviluppo di componenti migliorati è essenziale l’ottimizzazione della geometria che si ottiene minimizzando la resistenza aerodinamica in fase di volo. Per minimizzare la resistenza e, di conseguenza, il consumo di carburante, le geometrie delle varie superfici devono favorire il moto laminare. Ciò si può ottenere grazie a superfici lisce e omogenee. Quindi, è indispensabile che i ricercatori del DLR conoscano nei minimi dettagli la superficie dei componenti. Grazie ad ATOS Triple Scan, il centro di ricerca può misurare le geometrie delle superfici velocemente ed in maniera precisa, acquisendo ogni informazione rilevante sulla geometria delle superfici. Una rappresentazione completa ad alta risoluzione del piano di coda con un’area di 1.5 m x 3 m viene prodotta dal sistema di misurazione di ATOS in meno di 15 minuti.

La rappresentazione 3D a tutto campo del piano di coda stata la base per ulteriori serie di test, nei quali la geometria viene modificata iterativamente. Dopo i test di volo, che hanno mostrato un effetto positivo della modifica della geometria, lo scanner 3D è stato usato ancora una volta per misurare il piano di coda modificato. In questo modo i ricercatori hanno ottenuto anche valori misurati delle modifiche della geometria e hanno quindi potuto comparare direttamente tali valori con le informazioni iniziali.

In futuro, le conoscenze acquisite sull’effetto delle modifiche della geometria effettuate sul piano di coda dovrebbe poter essere applicata alle ali e alla fusoliera per ottimizzare le prestazioni dei velivoli e rendere i voli più efficienti in termini di consumo di carburante.

L’intero esempio di applicazione è disponibile in lingua inglese in formato PDF.